Il patrocinio a spese dello stato è la possibilità mediante la quale i cittadini possono avvalersi dell’assistenza legale da parte di un avocato in modo completamente gratuito. Tale possibilità, è riservata a coloro che presentano

specifico modello di istanza ai fini di riconoscimento del beneficio e che possiedono determinati requisiti di reddito al momento della domanda.

Cos’è e come funziona L'avvocato a patrocinio gratuito è stato istituito con il D.P.R. 30 maggio 2002, n° 115 T.U. delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di spese di giustizia ). Nello specifico l’art. 74 ha previsto che: E’ assicurato il patrocinio nel processo penale per la difesa del cittadino non abbiente, indagato, imputato, condannato, persona offesa da reato, danneggiato che intenda costituirsi parte civile, responsabile civile, ovvero, civilmente obbligato per la pena pecuniaria. E’, altresì, assicurato il patrocinio nel processo civile, amministrativo, contabile, tributario e negli affari di volontaria giurisdizione, per la difesa del cittadino non abbiente quando le sue ragioni risultino non manifestamente infondate. I cittadini, pertanto, che non hanno la possibilità economica per poter incaricare un avvocato per la loro difesa in processi civili e in ambito amministrativo, contabile e tributario possono richiedere l’assistenza legale gratuita presentando la domanda presso gli Sportelli della Segreteria del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati, competente. Importante: L’ammissione al beneficio può essere richiesta dal cittadino per ogni stato e grado del processo ed è valida per tutti i successivi gradi del giudizio, fatta eccezione per i casi in cui debba predisporre un’impugnazione per la perdita della causa.

Chi può richiederlo? L’ammissione al beneficio del Gratuito Patrocinio può essere richiesto da tutti: i cittadini italiani gli stranieri, regolarmente soggiornanti sul territorio italiano al momento dei fatti le Persone emigrate all’estero, che non possiedono alcuna cittadinanza, perché priva di quella di origine e non in possesso di un’altra gli enti o associazioni che non perseguano fini di lucro e non esercitino attività economica.

Requisiti e Limiti di Reddito: I cittadini di cui sopra, hanno il diritto ad essere rappresentati gratuitamente da un avvocato, grazie al Gratuito Patrocinio a spese dello Stato, se possiedono determinati requisiti di reddito che per il 2015 sono: Reddito annuo complessivo per nucleo familiare, così come risultante dall’ultima dichiarazione redditi, non superiore a euro 11.369,24. Nel caso in cui il richiedente sia convivente con il coniuge o con altri familiari, il reddito è costituito dalla somma dei redditi conseguiti nello stesso anno da ogni componente della famiglia, compreso chi presenta la domanda.

I documenti necessari per richiedere l'avvocato a patrocinio gratuito sono: La domanda deve contenere i seguenti dati: Generalità del richiedente e dei componenti del suo nucleo familiare + codici fiscali Autocertificazione del proprio reddito e del nucleo familiare, per verificare l’ammissione al beneficio in base alla soglia reddituale Impegno a comunicare eventuali variazioni della situazione reddituale ai fini dell’ammissione al beneficio, entro 30 giorni dalla scadenza annuale dalla data di domanda. Certificazione dell’Autorità Consolare che attesti la veridicità di quanto dichiarato nell’istanza, nel caso di redditi prodotti all’estero da parte di cittadini extracomunitari. Indicazione del procedimento, se già pendente Indicazione delle prove che si intende far valere: ad esempio documenti, testimoni ecc. Importante: Si ricorda che in caso di autocertificazioni non veritiere, sono previste sanzioni penali con la reclusione da 1 a 5 anni e una multa da € 309,87 ad € 1.549,37 aumentabili se il beneficio è stato ottenuto o mantenuto. Inoltre, lo Stato ha diritto a recuperare le somme eventualmente già pagate.

DOWNLOAD MODULO